Peschici

Peschici. Parco Nazionale del Gargano. Regione Puglia.

Peschici Gargano

Calce bianca su roccia come nave tra cielo e mare.

Calce bianca Peschici
Calce bianca Peschici

La preistoria

Abitata sin dal paleolitico grazie alla presenza della selce nel territorio del Gargano. Nel neolitico  troviamo le tracce più importanti grazie alla presenza del popolo Dauno. Particolare sito di interesse archeologico il Grottone di Manaccora o Grotta degli Dei dove riportiamo foto qui sotto.

Grottone di Manaccora

Il medioevo

Le prime notizie moderne risalgono al 970 d.C. quando, gli Schiavoni (popolazioni slave abili nella guerriglia), dopo aver allontanato definitivamente i saraceni su ordine di Ottone I, fondarono Pesclizio sulle rovine di un casale distrutto dai Saraceni. Il nome Peschici si presume sia appunto di origine slava, come tanti altri termini del dialetto locale.

L’isolamento del paese  si interrompe grazie allo splendore che esercitò l’Abbazia di Kalena (820 d.C.), al tempo dei pellegrinaggi a Monte Sant’Angelo ( via micaelica)  con il fiorire nel territorio di eremi ed abbazie quali luoghi di ricovero per i numerosi pellegrini che si recavano al Monte Sacro. L’Abbazia, oramai diroccata,  lasciata crollare dalla incuria dei proprietari e del Comune che non hanno saputo valorizzarne il suo ruolo storico e archittettonico .

Abbazia di Kalena

Borgo medioevale

Ciò che rende Peschici alquanto unica nel territorio del Gargano è il suo centro storico o borgo. Arrocato su una roccia alta 90 metri permette una vista panoramica eccezionale, essendo lo sperone su cui nasce, il punto più ad oriente dell’intero Gargano. L’oriente che si traduce anche nelle costruzioni tipiche delle case antiche, fatte a cupola su un basamento quadrangolare, ricordano la Grecia o comunque l’oriente. Oggi Peschici è annoverata nell’associazione dei Borghi Autentici Italiani.

Peschici Borgo
Peschici Borgo

 

L’età d’oro.

Il bianco della calce, l’azzuro del cielo e tutte le tonalità del blu del mare hanno fatto da sfondo a pittori ed artisti che qui hanno vissuto l’epoca d’oro del paese, gli anni ’60 e ’70. Alfredo Bortoluzzi, Conversano, e molti altri personaggi dello spettacolo e del jet set della cultura italiana. Lucio Dalla compose qui “4 marzo 1943”.  Da Principi a personaggi del design italiano, attori e autori animavano le estati peschiciane. Locali notturni di classe, piccoli ristoranti tipici, l’autentica accoglienza della popolozione, la semplicità e la bellezza naturalistica incontaminata hanno posto le basi per il lancio a livello nazionale e poi mondiale di questo piccolo paese balneare.

Pescatori Peschici
Pescatori Peschici

Oggi.

Con l’arrivo del turismo di massa, la favola ha lasciato il posto ad una realtà fatta di strutture ricettive preparate all’accoglienza, qualità questa che contrattistingue il popolo di Peschici.

Peschici con i suoi circa 4000 abitanti, d’inverno è un tranquillo paesino abitato da pescatori, cacciatori e raccoglitori di olive. L’estate diventa una delle località marittime più gettonate della Costa Adriatica con ospiti da tutto il mondo. Rispetto alla vicinissima Vieste, raccoglie un turismo meno di massa, proprio grazie alle caratteristiche morfologiche del territorio, fatto di salite, scale e piccole spiagge di sabbia finissima.

Peschici by Night
Peschici by Night

Link:

http://www.viaggiareinpuglia.it/at/64/parco/4071/it/Grottone-di-Manaccora-Peschici-(Foggia)

 http://www.gargano.it/localita/peschici/

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Il sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi